Just another WordPress.com site

Gruppo Folk Lampiusa

Benvenuti nel fantastico mondo del Gruppo Folk Lampiusa...all'insegna di Tradizioni, Emozioni, Colori e Musica!
  • Gruppo Lampiusa in Trasferta a Lione

Ultima

Gruppo Folk Lampiusa – PARRE BG

“Il vestiario si compone di tela, di mezza lana, di nastri e di merletti; tutte cose comuni, ma addosso a un parresco hanno un significato che non hanno indosso ad altri”. (A.Tiraboschi)

STORIA DEL GRUPPO

Nel 1968 nasce il gruppo folkloristico Lampiusa, che nel gergo dei pastori (il gai) significa “Luna”.

Oggi l’attività principale del gruppo è di riproporre spettacoli con balli tradizionali, in Italia e all’estero; inoltre da una ventina d’anni, il gruppo si propone come organizzatore di spettacoli, di gemellaggio con le regioni italiane o con gruppi di altre nazioni, mescolando il sano sapore del folklore con quello dei cibi tipici locali.

Ecco che da queste idee nascono il “Festival del folklore” e “L’incontro folkloristico con le Regioni d’Italia” in contemporanea con la “Sagra dei Capù”. Oltre che al fascino del suggestivo costume, il gruppo “Lampiusa” deve la sua spettacolarità ad un repertorio che recupera e ripropone i valori di una civiltà semplice ed originale.

Un repertorio che spazia dai canti tipici della tradizione locale alle danze popolari ai gustosi dialoghi in vernacolo, in cui il gusto dell’ironia e della satira bonaria si sposano felicemente ai modi di dire di rustico e genuino sapore. Tra i canti spiccano brani di notevole interesse etnomusicologico; i balli hanno radici nei vari aspetti della vita popolare d’altri tempi; i brani recitati sono spesso tratti dalla letteratura dialettale, oppure sono ricostruzioni di fatti realmente accaduti (il cui ricordo è stato raccolto dalla viva voce degli anziani), o, ancora, sono rappresentazioni di avvenimenti-chiave della vita familiare e comunitaria del paese.

STORIA DEL COSTUME

Mentre è impossibile stabilire con precisione la data di nascita del costume di Parre, ne è invece sufficientemente documentato, a partire dalla fine del ‘600, il significato originario devozionale e propiziatorio allo scopo di scongiurare pestilenze ed epidemie. Lo storico bergamasco Antonio Tiraboschi nel 1864 definiva così l’abbigliamento parrese: “il vestiario si compone di tela, di mezza lana, di nastri e di merletti; tutte cose comuni, ma addosso a un parresco hanno un significato che non hanno indosso ad altri”. Infatti, anche se ora a Parre il costume lo vestono solo i componenti del Gruppo “Lampiusa”, l’atteggiamento di rispetto e quasi di gelosia nei confronti di questa tradizione è ancora molto vivo nella popolazione.

Annunci